PARROCCHIA DI SAN POSSIDONIO

IL CIRCOLO ANSPI

logo Anspi

cialis cena

cialis cena 20 mg

L'A.N.S.P.I. è l'Associazione Nazionale San Paolo degli oratori e dei circoli giovanili in Italia.
E' l'Associazione nata nel periodo conciliare per confederare gli oratori e i circoli promossi dalla Chiesa italiana.

Che cos'è l'Anspi, meglio cos'è il circolo/oratorio parrocchiale?
Il circolo/oratorio è una struttura giuridica che opera nel tessuto della vita parrocchiale per una finalità essenzialmente educativa: creare dei veri cittadini e dei veri cristiani attraverso una serie di momenti che riguardano gli interessi ricreativi e culturali di ragazzi, giovani ed adulti.
Con il decreto del Presidente della Repubblica, Giuseppe Saragat, in data 4 ottobre 1966, l'Anspi è entrata a pieno titolo tra le Associazioni riconosciute dallo Stato, sulla base dell'articolo 18 della Costituzione e degli articoli 12-21 del Codice Civile italiano.
Paolo VI Papa degli oratori definiva l'oratorio con questa espressione: ”azione pedagogica pastorale della parrocchia per l'educazione della gioventù”.
Nel famoso discorso dei promotori dell'ANSPI nel gennaio del 1964, Paolo VI definiva così l'oratorio: ”l'oratorio è la palestra delle forze morali e religiose”. E' la scuola della bontà e della pietà. E' laboratorio delle coscienze giovanili, è l'allenamento ai grandi doveri della vita. E' la tessitura delle grandi amicizie, è un vivaio di uomini sani, onesti, intelligenti e attivi”.
Successivamente Giovanni Paolo II nel dicembre del 1986 sottolineava un'altra forte espressione di Paolo VI ”l'oratorio è una palestra di vita, dove la preghiera, l'istruzione religiosa, il gioco, il divertimento, la ricreazione, l'amicizia, il senso della disciplina e del bene comune si fondono insieme per fare del giovane un cristiano forte e cosciente, leale, buono e moderno”.
Far parte dell'ANSPI, vuol dire promuovere un servizio che comporta preparazione, conoscenza, convinzione, continuità, gratuità e grande spirito di sacrificio.
Le attività promosse dall'ANSPI sono considerate da tutta la comunità valori positivi da incoraggiare e sostenere in ogni modo, superando particolarismi e critiche ingiuste, e offrendo invece l'apporto positivo del proprio tempo libero, del proprio servizio, con umiltà.

L'ANSPI ”Possidiese” è sorta principalmente per dare il proprio servizio all'intera comunità.

Si ricorda che la Tessera è condizione per partecipare a tutte le attività promosse dalla Parrocchia.

tratto da ”Camminiamo Insieme” - febbraio 1996

 

Il consiglio direttivo

Il consiglio direttivo è l'organismo più importante della nostra associazione avendo il compito di delineare le linee guida generali lungo le quali tutte le componenti dell'Anspi Possidiese devono camminare. Il consiglio direttivo è stato eletto dalla assemblea dei soci e, pertanto, rappresenta tutte le anime della nostra realtà e guiderà il nostro gruppo per i prossimi quattro anni.

Il consiglio direttivo dell'Anspi Possidiese, nell'Assemblea del 30 marzo 2008 è risultato così composto:

Presidente: don Aleardo – vice presidente: Corradi Giulio – segretario: Morselli Livio – tesoriere: Gualtieri Marco – consiglieri: Dallolio Massimo, Maini Dennj, Malavasi Angelo, Marchini Paolo, Prandini Ernestino, Vaccari Benito, Varini Massimo.

Il nuovo Consiglio resterà in carica per i prossimi tre anni.


 

Sezione turistica del gruppo ANSPI

La vacanza può essere un'occasione di ricerca spirituale per favorire la propria crescita personale e ritrovare se stessi ed il contatto con il proprio credo. Numerose sono le offerte proposte da Anspi turismo e  si rivolgono a tutti senza limiti di età. 

 


 Amici del presepe

Grazie alla fattiva partecipazione e al disinteressato aiuto di tanti amici ed amiche, la notte di Natale, dopo la messa di mezzanotte, don Aleardo ha collocato Gesù Bambino nella mangiatoia del presepe nel parco della villa, un nuovo presepe che è la riproposizione di quello che era e che è intenzione sia di nuovo, il “Presepe di San Possidonio”. Un grande presepe che per tanti anni è stato il simbolo natalizio del nostro paese e della nostra cultura, meta di migliaia di visitatori. Come in passato, le piccole abitazioni accolgono delle realistiche botteghe dove gli artigiani sono intenti nelle loro antiche e a volte dimenticate attività quotidiane. Percorrendo “la via principale” troviamo la casa del fattore dove all'interno la “rasdora” è intenta a preparare la sfoglia, di fronte troviamo la bottega del fabbro che forgia il ferro rovente sul suo braciere mentre un garzone lo aiuta. Poi il cantiniere indaffarato ad imbottigliare al “lambrusc”, il mercato con i prodotti tipici delle colture della “bassa”, l'osteria, la bottega dal “marangon” alle prese con ceppi da spaccare e tronchi da segare. La casa del pescatore e poi galline, anatre, conigli, pecore, capre e maiali (tutti questi rigorosamente vivi). E per finire la capanna della Natività particolarmente suggestiva dove nella stalla trovano posto il bue e l'asino che, per circa un mese, svernano alla presenza di tanti visitatori diventando anch'essi ricercati soggetti da immortalare in una fotografia.

Nella GALLERIA FOTOGRAFICA è possibile vedere le immagini del presepe.

 

 

Parrocchia di San Possidonio - Piazza Don Andreoli 2 - 41039 San Possidonio (Modena) tel. 053539965 | privacy policy